a

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adicing elit ut ullamcorper. leo, eget euismod orci. Cum sociis natoque penati bus et magnis dis.Proin gravida nibh vel velit auctor aliquet. Leo, eget euismod orci. Cum sociis natoque penati bus et magnis dis.Proin gravida nibh vel velit auctor aliquet.

  /  Libri   /  Angelo Petrosino racconta…

Angelo Petrosino racconta…

 

Questo contributo porta la firma del grande amico Angelo Petrosino,
autore di numerosi romanzi per adolescenti tra cui la celebre serie di Valentina,
che ci ha voluto omaggiare con questo racconto ambientato negli spazi di Binaria Bimbi

 

 

Bruno mi osserva con curiosità quando chiamo Ottilia con il mio telefonino, si mette al mio fianco quando scrivo con il mio computer, e cerca di afferrare il tablet che mio padre usa per il suo lavoro.
Le poche volte che gli viene concesso di impadronirsene, comincia a usarlo come se avesse già una lunga esperienza alle spalle.
“E’ stupefacente!” esclama mia madre. “Chi gli ha insegnato?”
“Nessuno” le risponde mio padre. “Mi osserva e impara”.
Comunque in casa non vogliamo che adoperi le mani e le dita solo per strisciare su una superficie liscia e per picchiare sui tasti di una tastiera.

Perciò da un po’ di tempo lo porto presso il Centro Commensale del Gruppo Abele, chiamato BINARIA BIMBI. Qui, oltre a una bella e grande libreria, c’è un grande spazio attrezzato gestito da volontari, che si occupano di far giocare in modo creativo e intelligente i bambini piccoli.
Fanno un grande uso di materiali da recupero, come carta, cartoni, contenitori di plastica e così via.  E riescono a realizzare con i bambini delle cose bellissime: dai giocattoli, ai quadri, ai burattini. Una delle volontarie si chiama Paola e riesce a confezionare con i pezzi di carta degli oggetti meravigliosi. Inoltre è molto brava a coinvolgere i bambini nelle sue creazioni, perciò gli affido con fiducia mio fratello.

Bruno non vuole solo guardare. Cerca di imitare Paola, e lei gli mette a disposizione materiali colorati di ogni genere. Bruno si diverte a maneggiarli con le sue piccole mani, ora stando seduto, ora inginocchiato, ora pancia a terra. E non si accorge del tempo che passa.
Quando lasciamo il centro, la prima cosa che mi chiede è: “Quando torniamo?
Mia madre è soddisfatta e ha cominciato a spargere la voce tra le sue amiche che hanno bambini piccoli dell’età di Bruno.

(angelo petrosino, scrittore)